Quali sono i migliori cibi invernali per la cura della pelle?

istock
Cura della pelle: i cibi invernali che fanno bene

Quando arriva la stagione fredda, la cura della pelle passa anche attraverso la dieta: dalla frutta secca alle verdure passando per gli agrumi, ecco quali sono i cibi invernali amici della pelle.

Condividere

Durante l’inverno, può capitare di guardarsi allo specchio e notare un colorito spento e opaco, ma anche un viso meno tonico del solito. Succede perché freddo, vento, smog e umidità aggrediscono la pelle, seccandola, e la minore esposizione ai raggi del sole (soprattutto per chi abita nelle regioni del nord Italia, avvolte dalla nebbia) fa il resto. Ma niente paura, la beauty routine giusta può mettere ko gli agenti atmosferici! Per una cura della pelle ancora più completa, però, perché non intervenire anche dall’interno? Ecco i cibi invernali del nostro belpaese con cui nutrire e proteggere la pelle nella stagione fredda. 

Frutta secca per una pelle giovane e compatta

Tipica della tavola italiana delle Feste, la frutta secca in realtà dovrebbe farci compagnia ogni giorno, come ingrediente per le insalate o come spuntino spezza-fame. Per la cura della pelle, in particolare, le noci sono ricche di acidi grassi essenziali come Omega 3 e Omega 6, che donano luminosità e compattezza alla pelle del viso.

Le mandorle, invece, sono un’ottima fonte di vitamina E e antiossidanti, per cui contribuiscono a mantenere la pelle giovane e morbida. Se si comprano già sgusciate, meglio preferire quelle “non pelate”, perché i nutrienti antiossidanti si trovano in gran quantità anche nella pellicina esterna. Ma i golosi e gli intenditori della cucina siciliana preferiranno probabilmente consumarle in versione pasta di mandorle, sotto forma di fruttini colorati. In questo caso, sì alla golosità ma attenzione a non eccedere, perché il secondo ingrediente è lo zucchero!

Agrumi e non solo per fare il pieno di vitamina C

Durante la stagione fredda, la vitamina C non è importante solo per proteggerci da influenza e altri malanni, ma anche per la cura della pelle, perché stimola la produzione di collagene che aumenta l’elasticità dei vasi capillari, messi a dura prova dagli sbalzi di temperatura tipici di questo periodo (fuori si gela, ma salendo su un vagone della metropolitana milanese o entrando in un negozio si rischia l’effetto sauna, e i nostri capillari sono costretti a contrarsi e rilassarsi repentinamente). Tra i cibi invernali più ricchi di vitamina C ci sono sicuramente gli agrumi, quindi mandarini e arance (di Sicilia!) ma anche kiwi, e poi gli ortaggi a foglia verde, come bietole, cavoli (riccio, nero, cappuccio, verza… in Italia la varietà non manca), broccoli e cime di rapa.