Pelle sensibile: calmiamo, ripariamo, proteggiamo

istock
Pelle sensibile: come prendersi cura della propria pelle

Tensione cutanea, pizzicori, pruriti, rossori. Non c’è più bisogno di farsi domande, fate parte della categoria pelle sensibile! Pelle secca, matura, grassa… Si può sempre rischiare di essere un giorno vittime dell’ipersensibilità cutanea!

Condividere

Se siamo in presenza di una pelle sensibile, o una pelle arrossata o iper reattiva, è a causa della sua barriera cutanea deficitaria: l’acqua che contiene è, infatti, evaporata. Così, l’epidermide non tollera più niente, e di conseguenza, compaiono improvvisamente, e per un nonnulla, la pelle arrossata, i pruriti, i fastidi. Non ci allarmiamo! Esistono delle soluzioni per la cura della pelle, per evitare queste reazioni, ripararla e poi proteggerla.
Alcuni gesti per la cura della pelle sono da attuare quotidianamente per non aggredire ulteriormente questa pelle sensibile e poco tollerante: evitiamo l’acqua del rubinetto, troppo ricca di calcare, di passare dal caldo al freddo costantemente, di sostare in ambienti dove si fuma e di assumere alcolici. Per dire addio alla pelle arrossata, salutiamo anche il gommage, l’esposizione al sole senza protezione, l’uso di alcuni oli essenziali, l’alimentazione speziata, alcuni profumi come quelli a base di bergamotto, olio di sandalo o lavanda…

Una volta individuata ed eliminata la causa principale delle reazioni cutanee che rendono la pelle sensibile, diventa fondamentale prenderci cura della pelle per calmarla e donarle nuovamente del comfort. Optiamo per dei trattamenti ricchi di principi attivi calmanti, come l’aloe vera, l’avena o l’olio di oliva…

Infine, modifichiamo la nostra beauty routine: scegliamo dei prodotti ad alta tolleranza, senza profumi e con una consistenza simile alle creme emollienti, che siano abbastanza leggeri per la mattina e più ricchi per la sera così da aiutarci a riparare la pelle. Anche il make-up deve essere scelto fra i prodotti formulati appositamente per le pelli sensibili.